Attenzione

Gentile visitatore,
la informiamo che le informazioni contenute in questa pagina potrebbero non essere aggiornate. Può continuare la lettura o accedere alla nostra Homepage facendo click sul link sotto o usare il Menu di navigazione per accedere a tutte le informazioni aggiornate del nostro sito.

Homepage

DA BOTTICELLI A MATISSE

Da Botticelli a Matisse volti e figure 

Palazzo della Gran Guardia

dal 2 febbraio al 1 aprile 2013

Due settimane dopo "Raffaello verso Picasso storie di sguardi, volti e figure", si aprirà a Verona al Palazzo della Gran Guardia la mostra "Da Botticelli a Matisse volti e figure".

Il racconto del ritratto unito al sentimento e all’emozione dello sguardo nel tempo è l’argomento affascinante di questa mostra. Uno sguardo che attraversa circa sei secoli di storia dell’arte, dal Quattrocento al Novecento, e che, ancora prima, trova il suo senso più pieno e al contempo misterioso, nei suggestivi ritratti del Fayum, che si pongono come «una incomparabile trama di sguardi, un iniziale catalogo d’occhi che proviene dalla storia, e ci induce a riflettere sul senso meraviglioso del ritratto ben prima che giungano per esempio Raffaello o Giorgione.
 

Dal sentimento e dallo sguardo religiosi, che hanno dato vita ai volti e alle immagini di uno spazio sacro, con le splendide Madonne e i commoventi volti di Cristo, colto nei momenti cruciali della sua vita, nei quadri tra gli altri di Fra’ Angelico, Caravaggio, Mantegna, Bellini, Botticelli; allo sguardo inteso a rappresentare il sociale e la sfera politica, nei ritratti di dogi e regnanti, nei quadri tra gli altri di Rubens, Velázquez, Rembrandt, Van Dyck, Tiziano; ai volti naturali di persone colte nella loro quotidianità, nelle opere soprattutto degli autori impressionisti, da Monet a Renoir, a Manet, a Degas. Ma prima di loro Giorgione e Raffaello, Dürer e Pontormo, solo per dire alcuni. Fino a giungere, alle soglie del XX secolo, alla metamorfosi del volto e della figura operata da artisti quali Van Gogh, Cézanne, Gauguin, Munch, Kirchner, Nolde, che porterà direttamente alla grande trasformazione della pittura novecentesca con Picasso, Matisse, Bonnard, Modigliani, fino a Giacometti, Balthus, Bacon, Freud, Wyeth e López García.

Si può con certezza dire che la mostra di Verona rappresenterà un motivo imprescindibile per tornare a vedere grande, grandissima pittura.